- Anai-it

20/06/2021
Vai ai contenuti

Menu principale:

UNIFIL i Caschi Blu Italiani
Missione in Libano: avvicendamento al National Support Element
Nella missione in Libano il Reggimento Logistico Taurinense subentra al Reggimento Logistico Garibaldi
Presso la Base Millevoi di Shama si è svolta la cerimonia di avvicendamento alla guida del National Support Element, la componente nazionale del contingente italiano in Libano nell’ambito della missione UNIFIL, la forza di interposizione delle Nazioni Unite schierata nel Libano meridionale.
Al cospetto della Bandiera di Guerra del Reggimento Logistico “Taurinense”, il Comandante del Sector West Generale di Brigata Davide Scalabrin ha suggellato l’evento con il passaggio del gagliardetto dell’IT-NSE tra il comandante cedente, Colonnello Fabio Nagni, Comandante del Reggimento Logistico “Garibaldi” di Persano (CE), ed il subentrante Colonnello Giulio Arseni.
Il Generale Scalabrin, nel corso del suo intervento, ha voluto ricordare “la recente concessione al Reggimento Logistico “Taurinense” della Croce d’Argento al Merito dell’Esercito per l’impegno profuso contro il Covid19, una lotta che, come nell’anno appena trascorso, l’Unità della Brigata Taurinense è pronta a perseguire anche in Libano per la salvaguardia della salute dei contingenti internazionali di Sector West e della popolazione locale”.
Tra gli ospiti della cerimonia, il Generale di Divisione Stefano Del Col, Capo della missione e Force Commander di UNIFIL, che ha rimarcato come gli uomini e le donne dell’IT-NSE “si siano fatti carico in maniera straordinaria delle impellenti esigenze logistiche nelle ore immediatamente successive ai tragici eventi del 4 agosto riuscendo, in seguito, a garantire con estrema professionalità tutte le azioni necessarie per la gestione dei collegamenti con la madrepatria, sopperendo alle attività della JMOU colpita dall’esplosione”.
Con quest’ultimo avvicendamento si completa il dispiegamento della Brigata alpina “Taurinense” in Libano, dove è al comando del Settore Ovest di UNIFIL, impiegando come unità di manovra il Reggimento “Nizza Cavalleria” (1°), rinforzato dal Battaglione Alpini “Saluzzo” di Cuneo e dal battaglione logistico “Taurinense”, unitamente agli specialisti del 32° Reggimento Genio Guastatori di Fossano.
La “Taurinense” opererà per un semestre per il rispetto della Risoluzione ONU 1701, assicurando giorno dopo giorno il monitoraggio e il controllo della cessazione delle ostilità, garantendo il rispetto del cessate il fuoco mediante posti di controllo e di osservazione, attraverso pattugliamenti nell’area costiera a sud della città di Tiro e lungo la "Blue Line".
 

Torna ai contenuti | Torna al menu